Anno nuovo vita nuova!?




Veneto | Debora Franchetto | 14 gennaio 2011 alle 09:59

E’ sì, le Feste sono volate in fretta e in un secondo siamo già a gennaio, siamo nel 2011!

I conti si dovrebbero fare alla fine, invece io le somme le inizio a tirare ora! Delusioni e amarezze molte, specialmente perchè pensavo che a Natale tutti sarebbero diventati migliori, meno egoisti e più sensibili ai problemi degli altri, ma mi sbagliavo. L’egoismo e il bisogno di essere sempre in primo piano hanno avuto come sempre la priorità su tutti gli altri sentimenti e su tutti i comportamenti e nulla è cambiato,anzi dopo le Feste sono tutti stressati,in dieta e depressi perchè si deve tornare alla quotidianità! Peccato ci sia chi in 2 mesi non si ricorda nemmeno cosa sia la quotidianità e la normalità! Un piccolo accenno a noi è stato dato da chi si è ricordato almeno per la fine dell’anno e ci ha permesso di trascorrere delle ore liete in compagnia, dimenticandoci di tutte le disgrazie trascorse fino a quel momento.

Passate le Feste strabordanti di abbuffate e shopping arriva il momento dei saldi! Ecco che allora bisogna correre e recuperare anche la minima stronzata pensando di aver fatto un grosso affare! E ho voluto provare pure io questo brivido che però si è subito spento dopo aver visto in che cosa consistevano questi sospirati saldi! Non so da dove esca la merce esposta appositamente per questa occasione; rimanenze di magazzino, avanzi, scarti e quant’altro; tutta la roba sfavillante che c’era prima di Natale è sparita, bo venduta tutta? Trovo che siano un’immensa fregatura,degli specchietti per allodole, infatti di affari non ne ho fatti nessuno anzi ho preso qualche fregatura come avevo sospettato! E come tutti gli anni mi ripeto che non ci cascherò mai più cercando di convincermi. Certo che se mi mettevo in fila per ore da Louis Vuitton magari qualche affare lo potevo anche concludere,sempre se trovavo qualche cosa dato che si poteva acquistare un solo pezzo a testa!

Ma come siamo ridotti? Ma come facciamo a farci trascinare in questo mondo di superficialità? Perchè non riusciamo  a provare senzazioni diverse, esigenze diverse? Cosa si sta spegnendo dentro di noi? Dov’è finita quella vocina che ci dice”ma che ti frega dei saldi, vai a trovare degli amici che non vedi da tempo”? Che ti importa di rinunciare a una domenica di scii per fare una bella passeggiata in compagnia? Spostiamo la cena con chi vediamo sempre e facciamola  con chi non vediamo mai e che magari ha pure bisogno di noi!

Siamo talmente chiusi nella nostre abitudini che non ci accorgiamo nemmeno di chi ci sta intorno e magari ha bisogno di noi e cerca di lanciarci dei segnali che non riusciamo a captare perchè troppo impegnati nelle nostre vite frenetiche e mondane! Non serve andar lontano per fare del bene; molto spesso è chi ci sta accanto che ha bisogno di noi basta solo aprire un po’ gli occhi e guardaci intorno e di sicuro troveremo a chi tendere la mano o solo dire una parola di conforto e dare un forte abbraccio che è la cura migliore del mondo.

Buon anno a tutti e mi raccomando aprite gli occhi e guardatevi intorno!


Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Veneto su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Debora Franchetto

Debora Franchetto Debora Franchetto 42 anni, vive a Montebello Vicentino. Fino a 5 anni fa gestiva un ristorante con la madre ma ora si dedica alla famiglia e ai suoi animali! Ama scrivere e cucinare e dalla vita chiede solo serenità e salute
Sito:


Lascia un commento